19 Giugno 2024
percorso: Home

Nuovo polo scolastico delle Frazioni Collinari di Rosignano Marittimo

Il progetto di una scuola è uno dei temi più complessi presenti in Architettura, non tanto per l'aspetto tecnologico quanto per le implicazioni disciplinari dirette ed indirette che genera sugli utenti e sul loro grado di fragilità.

Il contesto ambientale nel quale la scuola primaria oggetto del Concorso è inserita è di alto valore paesaggistico: si tratta, infatti, di una sommità collinare nel paesaggio Toscano caratterizzata da “macchia mediterranea”, sovrastante un agglomerato urbano.
L'idea dell'impianto di progetto ha due obiettivi principali:
• la contestualizzazione ambientale attraverso una rilettura del paesaggio Toscano;
• l'osmotico rapporto tra il costruito e le opere a verde.

L’idea compositiva del progetto presentato segue la ratio della tradizione: utilizza sistemi d'impianto semplice, perlopiù rettangolari e dotati di un sistema di copertura a capanna, per poi svilupparli in un organismo più complesso quale è quello della scuola di progetto.
L'impianto ha, nel suo insieme, una forma concavo/convessa lungo l'asse di maggior sviluppo, proprio per sfruttare al massimo le potenzialità del sistema morfologico esistente, ottimizzando le movimentazioni di sterri e riporti.
L'impianto racchiude inoltre in sé un alto valore simbolico: sul lato Nord dell'ingresso la forma convessa invita a raccogliere ed accogliere i bambini che arrivano a scuola mentre, sul lato Sud dove sono dislocate le aule la forma concava rimanda e s'apre verso il sistema paesaggistico collinare.
La forma compatta è interrotta, sui due prospetti longitudinali Nord e Sud, da semi-corti che consentono al sistema del verde di entrare in stretto contatto con l’edificio e dissolvere le sue linee nei colori tipici del paesaggio circostante.
Nelle immediate vicinanze della scuola sono stati previsti spazi aperti per il gioco dei bambini: orti didattici, bordure per osservare le fioriture nelle diverse stagioni dell'anno, lasciando la sola presenza di alto fusti di prossimità a cipressi: puntiformi presenze vegetali che si “maritano” al costruito senza compromettere l'essenzialità giocosa dell'impianto di progetto.
Il naturale declivio ha consentito di collocare la palestra in una zona seminterrata, garantendone un impatto nullo sull'andamento planialtimetrico del complesso e del paesaggio naturale in genere. Le caratteristiche della palestra ne consentono un utilizzo anche ad un’utenza esterna in orario extra-scolastico, grazie ad un ingresso indipendente ed alla collocazione di parcheggi di pertinenza sull'area confinante con l'ingresso carrabile alla scuola.

Il progetto tende a sintetizzare la volontà di rispondenza e di dialogo; i dati di progetto creano l'occasione per pensare ad un organismo che, nonostante la sua dimensione planimetrica, si manifesta come un insieme dinamico e giocoso di residenze disposte consecutivamente nella loro forma e dimensione ancestrale. Il gioco compositivo dei prospetti, oltre a ricalibrare volumetricamente l'impianto, inserisce rapporti e dimensioni interne a misura di bambino con studiate gerarchie e calibrati dinamismi spaziali.
Il funzionamento dell'insieme degli spazi interni segue in larga parte l'idea Khaniana di spazio servente e spazio servito: il sistema dell'insegnamento delle aule/laboratori (sistema servito), in massima parte rivolto verso il paesaggio; il sistema degli spazi comuni e dei servizi (sistema servente), in collegamento diretto con la nuova viabilità in progetto di accesso all’area.
L’accesso all’edificio è evidenziato da una grande veranda d'ingresso che, oltre a segnare semanticamente lo spazio, crea le condizioni per la sosta d'attesa esterna al riparo dal sole e dalla pioggia.
Per quanto riguarda la distribuzione interna, la scuola in progetto segue il criterio della gerarchia decrescente propria degli spazi urbani: il connettivo diventa anche spazio di lavoro e di socializzazione che in base alla dislocazione, coinvolge una quantità di alunni variabile.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie